giovedì 27 ottobre 2016

193# Moira


Cuore di Aria, è conosciuta come figlia della Notte e come figlia di Zeus e Temi, è la personificazione delle tre Moire, da cui il suo nome, ovvero la personificazione del destino ineluttabile. Il loro compito era tessere il filo del fato di ogni uomo, svolgerlo ed infine reciderlo segnandone la morte.
Moirà è testimone dell essenza delle tre Moire dentro di sé ovvero in lei vive lo spirito di Cloto, nome che in greco antico significa "io filo", colei che fila lo stame della vita. Lachesi, che significa "destino", colei che che lo avvolge sul fuso e stabilisce quanto del filo spettasse a ogni uomo ed infine Atropo, che significa "inflessibile", colei che con lucide cesoie, lo recide, inesorabile.
La lunghezza dei fili prodotti da questo Momo trino può variare, esattamente come quella della vita degli uomini. A fili cortissimi corrisponderà una vita assai breve, come quella di un neonato, e viceversa. Si pensava ad esempio che Sofocle, uno dei più longevi autori greci , avesse avuto in sorte un filo assai lungo.
Alle spalle di questo Momo vi sono quindi queste tre donne divine dall'anziano aspetto che dimorano nel regno dei morti, l'Ade.
Il sensibile distacco che si avverte da parte di queste figure e la loro totale indifferenza per la vita degli uomini accentuano e rappresentano perfettamente la mentalità fatalistica degli antichi greci. Tuttavia, questo non rende Moira un Momo scostante disinteressato o distaccato anzi, Moira è legata agli antenati, al mondo dell’oltretomba e alle divinità ad esso collegate con cui è in stretta relazione.
Questo Momo è anche collegata a tutte le divinità che si occupano della filatura, del ricamo e della tessitura. Il Mandrino in cui avvolge il suo personale filo la rende un’ottima protettrice nei lavori di meditazione, nella ricerca di visioni e nel recupero di vite precedenti così come tradizione vuole per le “lavoratrici del filo".
La nascita del filo stesso, la rende uno spirito adatto ai nuovi inizi, alle nascite, a un certo aspetto quindi di fertilità e prosperità. Potete chiedere a Moira il favore della nascita di nuove cose, qualsiasi esse siano, materiali e spirituali, fisiche e astratte. Moria nel mantenere il filo, è anche colei che può aiutare a superare l’imprevedibilità della vita. Se potete vedere il vostro filo, potete guardare nel futuro, scorgere i nodi e sbrogliarli ancor prima che essi si formino. In un certo qual senso quindi Moira ha capacità divinatorie inestimabili. Attenti però a non sfruttare troppo questa vistuale che questo Momo vi concede.
Il suo tempo è quello dei mesi autunnali e invernali, è facile immaginare come Samhain siano le porte ideali per questo Momo.
Moira è un'ottima custode degli altari ancestrali. A lei potete offrire parte delle offerte che lasciate per i l vostro lignaggio, soprattutto bevande, poiché è risaputo che “chi appartiene al regno dell’oltretomba è sempre assetato”. Potete anche lasciarle custodire i vostri strumenti divinatori, e gli incantesimi per nuovi inizi e nuove cose.

• • •
[ING]
193 # Moira
Air heart, she is known as the daughter of Night and as the daughter of Zeus and Themis, she is the personification of the three Fates, hence its name, which is the personification of inevitable fate. Their job was to weave the thread of fate of every man, do it and finally cut it off and sign their death.
Moira herself is the witness of the essence of the three Fates that, inside her lives in the spirit of Clotho, ancient greek name that means "I weave", the one who weaves the thread of life. “Lachesi”, which means "fate", she’s the one who surrounds it on the spindle and provides how many wire was up to every man and finally “Atropos”, which means "inflexible", she who with shiny scissors, it severs IT, inexorable.
The length of the wires produced by this triune Momo can vary, just like the ones of men’s lives. A very short wires correspond to a very short life, like a newborn baby’s, and vice versa. It was thought for example that Sophocles, one of the oldest Greek authors, had been blessed with a very long wire. Behind this Momo there are three divine old looking women, that dwell in the realm of the dead, Hades. The significant gap that is felt by these figures and their total disregard for the lives of men , accentuates and represents perfectly the fatalistic mindset of the ancient Greeks. However, this does not make a Moira Momo unfriendly, disinterested or detached! Moira is linked to the ancestors, to the Underworld and the deities connected to it with which she is closely related. This Momo is also connected to all the gods that deal with the embroidery and weaving. The spinder in which envelops her personal wire makes her an excellent protector in the works of meditation, in the research for visions and recovery of past lives, as the tradition wants for the "Wire workers." The birth of the wire itself makes her a suitable spirit to new beginnings, births, to a certain aspect like fertility and prosperity. You can ask Moira the favor of the birth of new things, whatever they are, material and spiritual, physical and abstract. Moria by keeping your wire, is also the one who can help you to overcome the unpredictability of life. If you can see your wire, you can look in the future, see the knots and untie them even before they are formed. Basically, in a certain sense Moira has a priceless capacity of divination. But be careful not to take advantage of this view that this Momo grants you.
His time is the autumn and winter months, it is easy to imagine how Samhain is good for this Momo. Moira is a very good keeper for ancestral altars. You can offer her part of the offers you leave for your lineage, especially drinks, since it is known that "those who belong to the underworld kingdom is always thirsty" .You can also let them preserve your divination tools, and spells for new beginnings and new things.

Nessun commento:

Posta un commento