venerdì 30 novembre 2018

300# Brida


Cuore di Fuoco, è una Momo nata dalla neve che si scioglie durante il periodo che precede la primavera, il suo spirito è adatto a questo periodo dell’anno e porta nuova luce e purificazione.
Brida è una Moma dei nuovi inizi, propiziatrice di cambiamento e speranza vi aiuterà a portare a termine progetti incompiuti e situazioni dannose; attraverso di lei potrete evocare in voi il potere purificatore sia fisico che spirituale.
Il tempo di questo Momo è il sabba di Imbolc e come tale porta con sé tutta la simbologia e il potere di questa festa. Legata alla dea Bigid, Brida porta con sé i simboli Sacri alla Dea, tra cui il Lupo, legato alla Luna, ma anche all’idea di forza, branco (unione), natura selvaggia. E rappresenta proprio quel lato selvaggio della donna che ha bisogno di essere profondamente connessa alla Natura e di riunirsi in gruppo per unire il proprio potere a quello delle proprie sorelle. Brida come “figlia della Dea, predilge e incarna il suo aspetto di guerriera-nubile: Brigantia personificazione di come giustizia ed autorità.
Brida è un Momo che porta ispirazione ed aiuta nelle arti della tessitura, della poesia, della saggezza, della guarigione, della fertilità, dell’ostetricia, della riflessione e della meditazione con grande conoscenza e intelligenza verso il lavoro con il triplice fuoco che forgia e ancora del furore guerriero, delle arti di divinazione e chiaroveggenza.
Altro simbolo che accompagna questo Momo è il serpente arrotolato alla sua lancia. In Scozia il serpente era considerato l'oracolo di questo tempo associato anch’esso con la dea Brighid, vi collega inoltre alla luna, al sole, al mondo di sotto, ai tumuli e alla terra. Nei climi freddi come quelli scozzesi, i serpenti vanno in letargo durante l'inverno scomparendo nelle loro tane interrate, così come accade per le radici di piante e alberi. Questo porta alla luce la verità custodita da molte leggende dove si spiega perché i serpenti dormano sotto le rendici di alberi sacri come il Sorbo, albero associato anch’esso alla dea Brigid. Durante il giorno della sposa un usanza antica era quella di battere la terra con un pezzo di torba infilato in una calza recitando una runa. Questa pratica aveva lo scopo di risvegliare i serpenti per far sapere loro che la primavera era tornata ed era tempo di venir fuori.
La figura del serpente, spesso purtroppo fraintesa, è presente in molti culti e leggende associate al mondo dei morti ma anche a divinità ctonie, è in definitiva l'essenza stessa del genius loci: è lo spirito della terra e la terra stessa. E' semplice notare come i nostri antenati siano arrivati a questa conclusione prima di noi, entrambi dipendono dal calore del sole, il serpente che cambia pelle mentre la terra perde il suo Green Man ed entrambi "rinascono" di nuovo.
Un altro simbolo molto rappresentativo e potente di Brida è la spirale d’oro sul suo petto, simbolo di ciclicità e di eterno divenire e tornare. Come circolo  ricorda il movimento dellaa ruota del filatoio che è il centro ruotante del cosmo, il volgere della Ruota dell'Anno e anche la ruota che fila i fili delle nostre vite.
Per onorare e ringraziare questo Momo tenetelo in un luogo dove possa vegliare e proteggere sulla vostra abitazione. Non dimenticatevi mai di farla irradiare dalla luce di una candela. Brida apprezza le offerte di latte, consumate su note poetiche accompagnate da un mazzetto di Bucaneve come quello che la accompagna.

Nessun commento:

Posta un commento